fbpx

Benvenuti su Iva Enti Locali

Ivaentilocali è un sito internet fondato nell’ormai lontano 2000 interamente dedicato allo studio ed all’applicazione pratica dell’Iva nel mondo degli Enti Locali. Con oltre 1.500 articoli pubblicati in questo solo specifico ambito, Ivaentilocali rappresenta un mezzo unico di informazione ed aggiornamento per i responsabili della gestione del tributo. Qualunque sia il problema per un Ente Locale, su Ivaentilocali esiste la soluzione.
L’Iva per i centri antiviolenza e le case rifugio
IvaEntiLocali

L’Iva per i centri antiviolenza e le case rifugio

Le rette addebitate da un Comune alle donne ospitate all’interno di una casa rifugio non possono beneficiare del regime di esenzione previsto dal numero 27 ter dell’articolo 10 – anche qualora le persone siano vittime di episodi di violenza – ma rientrano nella disposizione enunciata nel precedente numero 21, se ed in quanto sia configurabile una prestazione complessa e globale del servizio di accoglienza, trattandosi della fornitura dell’alloggio a favore di soggetti bisognosi di protezione sociale. Diversamente, ossia in caso di fornitura priva del requisito della “globalità”, l’ente deve procedere ad assoggettare ad Iva le operazioni realizzate in base al regime proprio delle medesime, autonomamente considerate. Le precisazioni provengono dall’Agenzia delle Entrate, nella risposta n. 112/2021.

Leggi tutto >>
Il trasferimento delle costruzioni sui beni demaniali
IvaEntiLocali

Il trasferimento delle costruzioni sui beni demaniali

Il contratto che prevede il subingresso, a titolo oneroso, in una concessione demaniale avente ad oggetto il diritto di occupare un’area marittima, allo scopo di mantenere una costruzione ivi insistente, è assimilabile ad un atto di trasferimento del diritto di superficie e della proprietà superficiaria sul medesimo bene, di cui all’articolo 952 del Codice Civile, con conseguente configurabilità, agli effetti dell’Iva, di una cessione ex articolo 2, primo comma, del D.P.R. 633/72, e non di una prestazione di servizi. Il chiarimento proviene dall’Agenzia delle entrate – ad opera della risposta n. 152/2021 – e affronta un tema giuridico e fiscale particolarmente complesso.

Leggi tutto >>
TPL: niente Iva sui ristori per Covid
IvaEntiLocali

TPL: niente Iva sui ristori per Covid

Il contributo erogato in base al D.L. 19 maggio 2020, n. 34 – a titolo di ristoro dei mancati ricavi realizzati dai soggetti operanti nel settore del trasporto pubblico locale e regionale di passeggeri – non deve essere assoggettato ad Iva in quanto viene riconosciuto sulla base di specifici criteri indicati dal decreto interministeriale n. 340/2020, senza alcuna discrezionalità, e dunque integra il criterio indicato nel paragrafo 1.1, lettera a), della circolare 34/E/2013 per essere considerato una mera movimentazione finanziaria, e non il corrispettivo di una prestazione resa a favore del soggetto erogante. Con questa importante precisazione – contenuta nella risoluzione n. 22/2021 – l’Agenzia delle entrate ha sostanzialmente bissato il parere fornito con riferimento all’analoga misura di sostegno prevista nell’ambito del trasporto scolastico.

Leggi tutto >>
Rimborsi della refezione: il bollo “dipende” dall’Iva
IvaEntiLocali

Rimborsi della refezione: il bollo “dipende” dall’Iva

Le domande di rimborso del corrispettivo del servizio di mensa scolastica, anticipato dagli utenti, ma non usufruito in considerazione della sospensione dell’attività didattica per l’emergenza da COVID-19, devono scontare o meno l’imposta di bollo in base al principio di alternatività tra tale tributo e l’Iva. Il chiarimento è contenuto nella risposta n. 227/2021, la quale – al di là della questione specifica legata all’eventuale pagamento del bollo sull’istanza di parte – potrebbe risultare di interesse anche sul versante Iva. Il riferimento è alla possibilità di emettere una nota di credito in regime di rilevanza ex articolo 26 del D.P.R. 633/72 a fronte delle restituzioni operate agli aventi diritto, nonostante il fatto che l’operazione rettificata in diminuzione non sia stata certificata a mezzo di emissione di fattura o di altri documenti sostituivi aventi rilevanza fiscale.

Leggi tutto >>
Iva detraibile sui beni donati per Covid
IvaEntiLocali

Iva detraibile sui beni donati per Covid

L’Iva assolta per l’acquisto di beni, e dei relativi servizi accessori, destinati ad essere ceduti a titolo di erogazione liberale ad un ospedale Covid o ad un altro organismo impegnato nella lotta sanitaria in corso contro l’emergenza epidemiologica può essere regolarmente portata in detrazione dal donante – in applicazione del comma 3-bis dell’articolo 66 del cosiddetto “decreto Cura Italia”- anche quando si tratti di impianti non medicali e nonostante il fatto che tali operazioni possano rientrare nel regime di esenzione. L’importante chiarimento proviene dall’Agenzia e conforta la soluzione proposta da un ente non commerciale svolgente un’attività rilevante ai fini Iva, a carattere immobiliare.

Leggi tutto >>
Distacchi: la Cassazione si adegua alla Corte UE
IvaEntiLocali

Distacchi: la Cassazione si adegua alla Corte UE

L’importo versato ad un Comune a fronte del prestito o del distacco di proprio personale presso una società, partecipata o meno, deve essere assoggettato ad Iva – ovviamente se si tratta di dipendenti impiegati nell’ambito di un’attività commerciale svolta dall’ente, come ad esempio il trasporto scolastico – anche se corrisponde al mero rimborso del relativo costo, in quanto l’esclusione dal prelievo può essere invocata solo quando la somma pagata da chi utilizza i dipendenti altrui non costituisce la condizione affinché avvenga l’operazione. Il principio è stato pronunciato dalla Corte di Cassazione, nella sentenza n. 529/2021, in necessario accoglimento delle statuizioni elaborate dalla Corte UE nella decisione nella causa C-94-19, poiché assunta giusto a seguito di rinvio operato dagli stessi ermellini.

Leggi tutto >>