Benvenuti su Iva Enti Locali

Ivaentilocali è un sito internet fondato nell’ormai lontano 2000 interamente dedicato allo studio ed all’applicazione pratica dell’Iva nel mondo degli Enti Locali. Con oltre 1.500 articoli pubblicati in questo solo specifico ambito, Ivaentilocali rappresenta un mezzo unico di informazione ed aggiornamento per i responsabili della gestione del tributo. Qualunque sia il problema per un Ente Locale, su Ivaentilocali esiste la soluzione.
L’inadempimento non paga l’Iva
IvaEntiLocali

L’inadempimento non paga l’Iva

La somma versata a seguito di un accordo di natura sostanzialmente transattiva che, prendendo atto della risoluzione di un contratto per avvenuto inadempimento di una delle parti, quantifica il danno procurato, anche a titolo di lucro cessante, e da ristorare, non deve essere assoggettata ad imposta sul valore aggiunto, nella misura in cui la stessa non risulti, appunto, causalmente collegata ad alcuna prestazione di servizi o cessione di beni di cui possa rappresentare il corrispettivo, assolvendo quindi unicamente una funzione riparatoria. Il principio è tratto dalla lettura della risposta n. 588/2022, che merita di essere evidenziata non tanto per la conclusione raggiunta – in sé obbligata dalla necessità di rispettare le regole fondamentali del funzionamento del tributo – quanto, piuttosto, perché in recenti precedenti sul medesimo argomento l’Agenzia aveva riconosciuto l’esistenza di un nesso sinallagmatico tra l’importo versato dal danneggiante e l’impegno tipico, assunto dal danneggiato, alla rinuncia ad ogni altra pretesa.

Leggi tutto >>
L’Iva errata non è detraibile
IvaEntiLocali

L’Iva errata non è detraibile

La disposizione di natura sanzionatoria recata nella parte finale del sesto comma dell’articolo 6 del D. Lgs. 471/97 – la quale punisce in misura fissa il cessionario o il committente che detrae l’imposta addebitata in fattura in misura superiore a quella effettiva, ma assolta ugualmente dal cedente o prestatore – non può essere interpretata nel senso di attribuire tale diritto in capo al soggetto che riceve il documento errato, dal momento che il giudice nazionale è tenuto ad interpretare la normativa interna, in tutta la misura del possibile, alla luce del testo e della finalità della direttiva 112/2006, al fine di raggiungere il risultato da questa perseguito. Il suddetto principio giurisprudenziale – che appare ormai consolidato – è stato ribadito dalla Corte di Cassazione nell’ordinanza n. 32900/2022, dopo aver trovato la sua prima e compiuta affermazione nella sentenza n. 10439/2021.

Leggi tutto >>
Split: come recuperare l’Iva se la fattura è errata
IvaEntiLocali

Split: come recuperare l’Iva se la fattura è errata

Una recentissima sentenza della Corte di Giustizia, pronunciata in tema di rimborso dell’imposta indebitamente fatturata ed assolta dal cedente o prestatore, potrebbe risultare utile al fine di colmare un vuoto normativo rispetto all’ipotesi di applicazione dell’imposta in base alle previsioni dell’articolo 17-ter del D.P.R. 633/72 e di superare, al contempo, gli ostacoli posti, da parte dell’Agenzia delle entrate, in sede di interpretazione della disposizione interna che regola la restituzione dell’Iva versata per errore, ossia l’articolo 30 ter del medesimo decreto.

Leggi tutto >>
Vending machine: rinvio senza conseguenze per i Comuni
IvaEntiLocali

Vending machine: rinvio senza conseguenze per i Comuni

Il provvedimento del 2 dicembre 2022 emanato dal Direttore dell’Agenzia delle entrate n. 446073 ha eliminato il limite temporale del 31 dicembre 2022 – contenuto nei provvedimenti n. 102807 del 30 giugno 2016 e n. 61936 del 30 marzo 2017 – entro il quale avrebbe dovuto essere portato a termine il processo di adeguamento tecnico dei distributori automatici che, sulla base dei predetti regolamenti attuativi, sono ancora esclusi dall’obbligo di memorizzazione elettronica e di trasmissione telematica dei dati dei corrispettivi giornalieri.

Leggi tutto >>
Cessione legna: detrazione confermata
IvaEntiLocali

Cessione legna: detrazione confermata

La percentuale di compensazione del legno rimane fissata, anche per il periodo d’imposta 2022, in misura pari al 6,4% – e ciò agli effetti della pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale del decreto 10 ottobre 2022 del ministero dell’Economia, di concerto con il ministero delle Politiche agricole, alimentari e forestali – evitando così ai Comuni, che esercitano l’attività agricola di produzione e di vendita di tale materiale, di effettuare conguagli, in aumento o in diminuzione, rispetto all’importo della detrazione già operata all’interno delle liquidazioni infrannuali.

Leggi tutto >>
L’acconto Iva chiude il 2022
IvaEntiLocali

L’acconto Iva chiude il 2022

Come ogni anno, l’ultimo adempimento in scadenza in ordine di tempo – riguardante tutti i soggetti passivi Iva, ivi inclusi quindi anche gli enti locali, ovviamente con riferimento al solo debito generato dalle attività aventi rilevanza fiscale – è rappresentato dal versamento dell’acconto su quanto dovuto in relazione all’ultimo mese o trimestre dell’esercizio, con facoltà di derogare all’applicazione del cosiddetto “metodo storico” in favore di altri due criteri, qualora più favorevoli per il contribuente.

Leggi tutto >>