Benvenuti su Iva Enti Locali

Ivaentilocali è un sito internet fondato nell’ormai lontano 2000 interamente dedicato allo studio ed all’applicazione pratica dell’Iva nel mondo degli Enti Locali. Con oltre 1.500 articoli pubblicati in questo solo specifico ambito, Ivaentilocali rappresenta un mezzo unico di informazione ed aggiornamento per i responsabili della gestione del tributo. Qualunque sia il problema per un Ente Locale, su Ivaentilocali esiste la soluzione.
IvaEntiLocali

Iva ordinaria se il fabbricato è in costruzione

La cessione di un immobile in corso di costruzione, ma non ancora accatastato come tale, i cui lavori sono stati interrotti in corso d’opera per difficoltà economiche del costruttore, configura un’operazione di vendita non tanto di un fabbricato ultimato, quanto del terreno edificabile sul quale insiste, con conseguente assoggettamento del corrispettivo concordato tra le parti ad imposta sul valore aggiunto con aliquota ordinaria, in luogo dell’imposta di registro. A stabilirlo è stata l’Agenzia delle entrate nella risposta n. 365/2022

Leggi tutto >>
Insegnamento dello sport senza agevolazioni
IvaEntiLocali

Insegnamento dello sport senza agevolazioni

I corsi di nuoto organizzati da soggetti abilitati – tra cui figurano, ovviamente, anche le associazioni sportive – non possono beneficiare del regime di esenzione stabilito dal numero 20) dell’articolo 10 del D.P.R. 633/72, in quanto tale disposizione può agevolare solo le fattispecie rientranti nel concetto di “insegnamento scolastico o universitario”, enunciata in ambito sovranazionale all’articolo 132, paragrafo 1, lettere i) e j), della direttiva 112/2006, così come più volte precisato dalla giurisprudenza della Corte di Giustizia, da ultimo attraverso la sentenza nel procedimento C- 373/19, assunta nel solco della più nota decisione nella causa C-449/17, riguardante le scuole guida. Il chiarimento proviene dall’Agenzia delle entrate, attraverso la risposta n. 393/2022.

Leggi tutto >>
Irap: a rischio la deduzione per i premi Inail
IvaEntiLocali

Irap: a rischio la deduzione per i premi Inail

In attesa della conversione in legge del D.L. 21 giugno 2022 – e di un emendamento correttivo che, nelle intenzioni, dovrebbe ripristinare la situazione preesistente (ma potrebbe non essere esattamente così) – i Comuni sono alle prese con le modifiche apportate all’articolo 11 della legge Irap da parte dell’articolo 10 di tale provvedimento d’urgenza, meglio noto come “decreto semplificazioni”, che hanno de facto cancellato, per gli enti locali e per giunta a partire dal periodo di imposta 2021, le deduzioni dalla base imponibile calcolata col metodo retributivo dei costi sostenuti per il personale disabile e, soprattutto, per i premi Inail relativi a dipendenti assunti a tempo indeterminato.

Leggi tutto >>
Somministrazione gas: Iva agevolata sull’intero consumo
IvaEntiLocali

Somministrazione gas: Iva agevolata sull’intero consumo

La norma che ha temporaneamente ridotto al 5% l’aliquota Iva gravante sulle somministrazioni, tra le altre, di gas metano per combustione per usi civili è applicabile anche ai consumi che superano il limite annuo di 480 metri cubi, di per sé ordinariamente soggetti a tassazione in misura piena, e non soltanto a quelli sottoposti a prelievo ridotto del 10%, e ciò in quanto occorre fare riferimento, a tal fine, alle definizioni recate all’articolo 26, comma 1, del testo unico delle accise. Il chiarimento proviene dall’Agenzia delle entrate – attraverso la risposta ad interpello n. 368/2022 – ed interessa, ovviamente, anche i Comuni nella loro veste/qualità di utenti “non imprenditori”.

Leggi tutto >>
Esterometro: obbligo limitato alle attività commerciali
IvaEntiLocali

Esterometro: obbligo limitato alle attività commerciali

I Comuni e tutte le pubbliche amministrazioni in genere sono esclusi dall’adempimento comunicativo previsto dall’articolo 1, comma 3-bis, del D. Lgs. 5 agosto 2015, n. 127 – meglio noto come “esterometro”, ivi inclusa anche la nuova versione in formato Xml strutturato e trasmesso singolarmente via Sdi, divenuto obbligatorio dal 1° luglio scorso – con riferimento a tutte quelle operazioni per le quali non agiscono in veste di soggetti passivi d’imposta, ma nell’ambito della cosiddetta “sfera istituzionale”. Il chiarimento era atteso da molto tempo ed è arrivato, paradossalmente, in simultanea all’interno sia della circolare n.26/E del 13 luglio 2022, di per sé destinata a tutti i contribuenti, che della risposta n. 379/2022, invece diretta specificamente ad un’amministrazione territoriale.

Leggi tutto >>
Appalti e “caro materie”: il committente versa l’Iva
IvaEntiLocali

Appalti e “caro materie”: il committente versa l’Iva

Le somme erogate alle imprese appaltatrici dalle stazioni appaltanti, ai sensi e per gli effetti dell’articolo 1-septies del D.L. 73/2021 – e quindi anche per la parte che risulta finanziata dal fondo perequativo previsto da tale disposizione – assumono la natura di integrazione dell’originario corrispettivo stabilito per l’esecuzione dell’opera o del servizio e come tale risultano rilevanti ai fini dell’imposta sul valore aggiunto, secondo le modalità e l’aliquota già previste per l’originario contratto di appalto. Il chiarimento – molto atteso, dopo che la diffusione “informale” della risposta della Direzione Centrale ad un interpello presentato dal Ministero delle infrastrutture aveva sollevato molti dubbi e perplessità tra gli operatori – è contenuto nella risoluzione n. 39/E pubblicata il 13 luglio scorso.

Leggi tutto >>